Wiki

Diving reflex | riflesso d’immersione

Diving reflex | riflesso d’immersione | che cos’e’? | come prepararsi

Il diving reflex in italiano (riflesso d’immersione) che cos’e”? Quali sono i pericoli che possono verificarsi? Come si può evitarlo? Come si addestra? Come prepararsi e affrontarlo? Questo e molto altro ancora lo si può scoprire in questo articolo.

tenere il diving reflex sotto controlloMolti si sono chiesti come i subacquei possono semplicemente rimuovere e rimettere la maschera senza inghiottire l’acqua, e molti si sono anche chiesti perché alcuni hanno difficoltà a svuotare una maschera subacquea che è inondata d’acqua. Questo effetto viene anche definito diving reflex. Non pochi di noi sanno che, da bambini, abbiamo tutti imparato a padroneggiare meravigliosamente questo riflesso acquatico nasale. I bambini hanno un’innata capacità di smettere di respirare non appena entrano in contatto con il propio naso con l’acqua. Dopo qualche mese di vita questo regalo che madre natura ci ha donato sparisce.

A noi adulti questo dono non serve a niente. Non appena entriamo in contatto con il naso con l’acqua, respiriamo tramite il naso. I sommozzatori non addestrati e gli amanti dello snorkeling il diving reflex lo hanno sicuramente già avvertito. Subacquei inesperti che non sono in grado di controllare il riflesso d’immersione ed entrano in contatto con l’elemento liquido respirano attraverso il naso. Questo riflesso può verificarsi in tutti gli sport acquatici, immersioni, nuoto, snorkeling, ecc.

Riflesso d’immersione i pericoli

pericoli sott'acquaColoro che hanno già completato il brevetto d’immersione sono a conoscenza dell’esercizio per far fuoriuscire l’acqua da una maschera sub sommersa. A qualcuno bastano pochi esercizi e sono subito in grado di farlo. Però per altri risulta molto difficile da controllare o addirittura insuperabile. Il fatto di non essere in grado di controllare la situazione può avere gravi conseguenze. Attacchi di panico causati dall’ansia da soffocamento, che può portare all’inalazione dell’acqua e dei crampi. Inoltre, una risalita troppo veloce senza poter respirare può portare ad una malattia da decompressione o barotrauma. Molti principianti lo fanno con leggerezza e in qualche modo passano attraverso l’esame di certificazione e sperano che la maschera sub rimanga ben aderente.

Le scuole d’immersione in villeggiatura non sono sempre molto rigorose sulla conoscenza di questa abilità e gli esercizi non vengono esercitati a sufficienza per mancanza di tempo.

Una maschera subaquea non abbastanza aderente può avere molte cause. Una maschera poco idonea può riempirsi velocemente con dell’ acqua. I capelli (anche la barba) possono essere un fattore scatenante. Lo strappo del cinturino della maschera e la contemporanea perdita degli occhiali subacquei o della maschera da snorkel. Un urto accidentale con una pinna da parte di altri subacquei o un salto in acqua può causare la perdita della propria maschera subacquea. E infine, ma non meno importante, una volta che la maschera è piena o riempita a metà con dell’acqua, dovresti essere in grado di svuotarla direttamente sott’acqua.

Durante lo snorkeling, non è difficile raggiungere una profondità massima di 3-5 metri e liberare la maschera inondata e risalire sulla superficie. Ma se sei al di sotto dei 15 metri, non puoi semplicemente lanciarti in superficie e svuotare la maschera. Inoltre, i pericoli di una salita così veloce sono semplicemente troppo elevati. Per questo motivo immergersi sì, ma solo con la certezza di aver acquisito le tecniche più elementari di respirazione ed espirazione subacquea.

Mantenere il diving reflex sotto controllo

Come per tutte le sfide, l’obiettivo può essere raggiunto solo attraverso uno spirito positivo, e con molta pazienza e tanta pratica.
Per ogni problema si trovano soluzioni, per ogni soluzione ci sono procedure e modi diversi che portano sulla stessa strada.
Alcuni esercizi sono relativamente semplici e altri più difficili e richiedono tempo e tenacia.
Iniziamo con l’esercizio piu’ semplice. Questi esercizi possono essere fatti singolarmente o uno dopo l’altro. E’ importante essere in grado di poterli esercitare tutti.

Gli esercizi

Primo esercizio

  1. Inizialmente provare ad aspirare sopra la superficie regolarmente attraverso la bocca, (solo la bocca) e molto lentamente. aspirare ed espirare.
  2. Cercate ora di andare con il volto fino alla bocca sommerso d’acqua, il naso rimane sempre al di sopra della superficie dell’acqua.
  3. Adesso espirate dal naso.
  4. Ripetere questa procedura più volte.

Secondo esercizio

  1. Come nel corso del primo esercizio, respiriamo prima con la bocca sopra la superficie.
  2. Adesso diventa più difficile: tenere il viso sott’acqua fino al naso tenendo gli occhi sopra il livello dell’acqua.
  3. Come nel caso del primo esercizio, espiriamo di nuovo attraverso il naso.
  4. Ripetere più volte

Terzo esercizio aumentiamo ancora le difficoltà ?

  1. Abbiamo già imparato il primo esercizio, torniamo di nuovo con il viso completamente sopra la superficie e respiriamo attraverso la bocca.
  2. Le difficoltà sono ora da non sottovalutare: ora si prega di andare con tutto il vostro volto sott’acqua e tenere gli occhi aperti (non molto piacevole in acque marine).
  3. A questo punto espirate con il naso come negli esercizi precedenti.
  4. Anche in questo caso, ripetere più volte.

Una volta che hai completato i 3 esercizi e li sai tutti usare, si potrebbe facilmente presumere che potresti andare in barca, in mare, tuffarti in acqua e immergerti in acque profonde (stavo solo scherzando). Permangono ancora alcune carenze da non sottovalutare. Se avete fatto questi esercizi in piscina o anche a casa nella vasca da bagno, le condizioni sono per lo più ottimali. Se siete di buon umore perché tutto è andato liscio, questo non significa che gli esercizi funzionano in condizioni diverse, cioè temperature dell’acqua più basse e acqua marina invece di acqua dolce.

Ora passiamo alla fase successiva, questa volta usiamo il boccaglio.

Primo esercizio

  1. Di nuovo il viso fino alla bocca sotto la superficie dell’acqua e mantenere il naso sopra la superficie.
  2. Le inspirazioni avvengono ora attraverso lo snorkel.
  3. Si espira attraverso il naso.
  4. E premere più volte il pulsante replay (ripetere l’esercizio)

Secondo esercizio

  1. Analogamente al secondo esercizio senza il boccaglio, cioè la testa fino al naso sotto la superficie dell’acqua e gli occhi sopra la superficie.
  2. Respirare di nuovo attraverso lo snorkel.
  3. Espirare attraverso il naso.
  4. E per favore ripetete anche qui più volte.

Se avete serie difficoltà con la seconda fase, potete chiudere gli occhi o tapparvi il naso quando respirate attraverso lo snorkel, ma questo dovrebbe essere adoperato solo per allenarvi. Questo passaggio deve funzionare in futuro senza stringersi il naso.

Terzo e ultimo step

  1. Con gli occhi aperti (molto importante) con la testa completamente sott’acqua n modo che l’acqua non finisca nello snorkel.
  2. Respirare con il boccaglio
  3. Espirare di nuovo attraverso il naso
  4. ripetere, ripetere e ripetere

Importante! Questi esercizi non garantiscono che il riflesso d’immersione si scioglie come la neve al sole. Ci sono diversi esercizi. Inoltre, la propria forma fisica svolge un ruolo importante. L’età può avere la sua incidenza. Sovrappeso e fumatori anche. Inoltre, è molto importante non immergersi con un raffreddore o febbre, l’inalazione e l’espirazione si rende più difficile. Un altro punto da tenere presente è quello di non espirare attraverso il naso, con forza. I bambini non dovrebbero fare questi esercizi se non in presenza di un genitore o di un tutore.

 

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close