Wiki

Narcosi da azoto

Cos’è una narcosi da azoto?

La narcosi da azoto è un cambiamento reversibile dello stato di coscienza di una persona durante un’immersione in profondità effettuata con una bombola d’aria compressa. Ha un effetto simile all’intossicazione da alcol o all’inalazione di ossidi di azoto, può avvenire a qualsiasi profondità e si intensifica con l’aumentare della profondità.  Inizialmente l’effetto narcotico è stato rilevato con l’azoto, mentre altri gas come l’argon, ovvero l’idrogeno ad alta pressione, causano effetti simili. Lo xeno può anche essere usato come anestetico sotto pressione atmosferica. Tale effetto esercitato dai gas soggetti a pressione nel sistema nervoso è comunemente noto come anestesia gassosa.

Per via dei cambiamenti percettivi e cognitivi della persona affetta da questo tipo di anestesia, la sua presenza è difficile da rilevare e può essere fatale. Tuttavia, l’effetto è facilmente reversibile. Gli effetti scompaiono quando la pressione diminuisce (quando si sale a profondità minori o ad una pressione atmoseferica).

Ciò che limita veramente le immersioni con l’aria compressa a 30 metri di profondità  è la narcosi da azoto. Da non dimenticare che nelle bombole che usiamo regolarmente per le immersioni ricreative, il gas in esse contenuto è di solito aria compressa (tranne che per le immersioni in apnea). Il contenuto di ossigeno è del 20% e l’azoto dell’80%. La fisica considera l’azoto come un gas nobile perché non è coinvolto nel metabolismo ossidante. Ciò significa che il nostro corpo non ne ha realmente bisogno e, a differenza di quanto accade con l’ossigeno che viene assorbito dal corpo, l’azoto viene invece estratto.

Il corpo umano non brucia azoto come energia. Di conseguenza, tutto l’azoto aspirato viene infine estratto. Tuttavia, il gas inerte non è innocuo. Quando l’azoto satura i tessuti a causa della pressione ed esce più velocemente di quanto dovrebbe, si formano delle bollicine di azoto nel nostro corpo, causando la cosiddetta “malattia da decompressione“.

YouTube

caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube
scopri di più

carica il video

Le cause principali

La causa che determina l’anestesia è legata all’aumentata solubilità dei gas nel tessuto corporeo dovuta all’aumento della pressione in profondità (Legge di Henry). La miscela di gas respirabili che entra nei polmoni del subacqueo ha la stessa pressione dell’acqua circostante, la cosiddetta pressione ambientale. Dopo ogni cambiamento di profondità, la pressione dei gas nel sangue che fluiscono attraverso il cervello raggiunge la pressione atmosferica entro uno o due minuti, con conseguente effetto narcotico ritardato dopo essere sceso ad una nuova profondità.

La compressione rapida intensifica l’anestesia attraverso la trattenuta di anidride carbonica. Si confronta l’anestesia con il mal di montagna per la sua variabilità (anche se non per i suoi sintomi). I loro effetti dipendono da molti fattori, con differenze tra gli individui. Il freddo, lo stress, il lavoro pesante, la fatica e la capacità di trattenere l’anidride carbonica aumentano il rischio e la gravità dell’anestesia.

subacqueo in mare

L’anidride carbonica è altamente narcotizzante e causa anche un aumento del flusso sanguigno nel cervello, che aumenta l’effetto di altri gas. Il pericolo maggiore dell’anestesia è che aumenta la quantità di anidride carbonica trattenuta nei polmoni a causa dell’esercizio fisico pesante o dello scarso scambio di gas.

La narcosi da azoto è nota per essere un’aggiunta all’avvelenamento minimo da alcol e anche agli effetti di altre droghe come la marijuana (che è più probabile che l’alcol abbia effetti che durano fino a un giorno di astinenza dall’uso). Altri sedativi e antidolorifici, come narcotici oppiacei e benzodiazepine, contribuiscono alla narcosi da azoto.

I primi segnali e sintomi della narcosi da azoto

A causa della sua influenza percettiva, l’insorgenza della narcosi da azoto può essere difficile da rilevare. Nel migliore dei casi, l’anestesia provoca il superamento della paura. Una percezione di tranquillità e di controllo della situazione circostante. Questi effetti sono essenzialmente identici alle diverse concentrazioni di ossidi di azoto. Sono anche simili (anche se non così intensi) agli effetti dell’alcol o della marijuana e delle benzodiazepine familiari come il diazepam e l’alprazolam.

Tali effetti non sono dannosi, a meno che non comportino un pericolo immediato non identificato ed eliminato. Una volta stabilizzati, gli effetti rimangono generalmente gli stessi a una determinata profondità e peggiorano solo quando il subacqueo assume un rischio maggiore.

subacqueo in acqua

Gli effetti più pericolosi dell’anestesia sono la perdita della capacità cognitiva, compiti e coordinazione multipli e la perdita di capacità decisionale e di concentrazione. Altri effetti sono vertigini e disturbi visivi o uditivi. A seconda del subacqueo e dell’anamnesi medica o personale, la condizione può causare piacere, vertigini, ansia estrema, depressione o paranoia. Se la situazione diventa più grave, il subacqueo può sentirsi presuntuoso.

Gli effetti più pericolosi dell’anestesia sono la perdita della capacità cognitiva, compiti e coordinazione multipli e la perdita di capacità decisionale e di concentrazione

Disciolto nel tessuto cerebrale, l’azoto si comporta come un gas anestetico. Tuttavia, il verificarsi di un’intossicazione profonda dipende dalle condizioni fisiche e di salute dell’individuo,  tra cui:

  • Fatica,
  • Stress
  • Salute
  • Impatto dei farmaci.

Di conseguenza i primi sintomi possono comparire già a 20 metri di profondità.

I sintomi più comuni legati alla narcosi da azoto

  • Maggiore propensione al rischio
  • Attacchi di panico e benessere eccessivo per giungere all’euforia
  • Riduzione della capacità di orientamento
  • La capacità di concentrazione diminuisce
  • Allucinazioni
  • Assumere decisioni sbagliate
  • Disturbi visivi
  • Perdita di controllo
  • Infine inconsapevolezza

La narcosi da azoto può essere meglio compresa se la si confronta, per esempio, con l’anestetico usato dai dentisti, che in alte concentrazioni a livello del mare provoca euforia, intossicazione e, in brevissimo tempo, la perdita di coscienza.

Se sommiamo la pressione dell’acqua con gli effetti moltiplicatori degli effetti di superficie, tali effetti sono indubbiamente moltiplicati. Se applichiamo questo concetto all’azoto, sappiamo che l’acqua a livello del mare (un’atmosfera) esercita una pressione di 0,80 atmosfere. Ad una profondità di 10 metri, la pressione è il doppio (due atmosfere), ma non si percepisce ancora alcun effetto.

Solo a partire da una profondità di 30 metri (quattro atmosfere di pressione), si manifestano più frequentemente segnali della narcosi da azoto. A seconda della persona, della condizione fisica, dell’età, della stanchezza, ecc. e da un giorno all’altro, cambia la soglia di tolleranza nei confronti dei fenomeni dell’azoto sotto pressione. Pertanto, le pressioni parziali di azoto superiori a 3,1 atmosfere sono tossiche per l’organismo umano. Più profonda è l’atmosfera, più pronunciati sono i sintomi.

Prevenzione e precauzioni

I subacquei  ricreativi che utilizzano aria compressa non dovrebbero immergersi oltre i 30 metri di profondità. I subacquei che hanno ottenuto un brevetto per  immersioni in acque più profonde dovrebbero avere un’ esperienza sufficiente e l’attrezzatura appropriata e dovrebbero sempre essere supervisionati da subacquei competenti.

L’assunzione di farmaci e il consumo di bevande alcoliche può accelerare l’insorgenza della narcosi da azoto. Le immersioni sicure  si svolgono di solito a basse profondità, dove la presenza di luce solare, la piacevole temperatura dell’acqua e la fotosintesi garantiscono la maggiore quantità di fauna subacquea. Se per qualche motivo compaiono i sintomi dell’anestesia, risalire lentamente e nella maggior parte dei casi scompare.

Articoli correlati

leggi anche

Close
Back to top button
Close