Wiki

Tabella di decompressione

Uso della tabella di decompressione e della tabella di immersioni

tabella di immersionePrima ancora che ci fossero i computer da immersione, i subacquei usavano una tabella di decompressione o meglio ancora una tabella di immersione. La prima tabella di decompressione è stato creato nel 1907. La Royal Navy voleva migliorare la sicurezza dei suoi sommozzatori. Il fisiologo John Scott Haldane è stato poi incaricato di investigare sulla malattia da decompressione.

Lo scienziato ha scoperto la base, che è ancora oggi valida nella sua forma più evoluta. Per ridurre il rischio di malattia da dekompressione, lo scienziato ha sviluppato un modello matematico.

Il prossimo grande passo in avanti è stato fatto dalla US Navy (marina degli Stati Uniti). La Marina degli Stati Uniti ha documentato circa 16000 immersioni e studiato l’insorgenza della malattia da decompressione. L’alto numero d’immersioni era qui di seguito statisticamente ben documentato. Questa tabella d’immersione della US Navy è stata accettata come standard all’epoca del boom dell’immersione sportiva .

Le basi della tabella di decompressione della US Navy

  • tabella di decompressione6 tipi di tessuto con diverso comportamento di saturazione (tempi di saturazione dimezzati di 5 – 120 min)
  • Le tolleranze di sovrasaturazione dipendono dal tessuto e non sono più costanti come con Haldene.
  • L’aria come gas respirabile
  • Calcolo delle immersioni ripetitive
  • Nuovo termine “Nessun tempo di decompressione
  • Velocità di risalita ridotta a 18 m/min

Nel 1983 il professor Albert Bühlmann ha sviluppato ulteriormente il modello matematico di decompressione. Oggi questo modello è la base per alcuni computer sub.

Un calcolo matematico di decompressione ha i suoi limiti

Una tabella di decompressione è estremamente affidabile, ma non può tener conto di differenze fisiche individuali, ad esempio fattori secondari. Poiché i subacquei sono diversamente suscettibili alla malattia di decompressione, né una tabella di immersione né un computer subacqueo possono escludere la possibilità che la malattia di un subacqueo non si verifichi mai.

Tuttavia, utilizzando una tabella di decompressione per sub  o un computer da immersione, un subacqueo può minimizzare significativamente il rischio se si utilizzano immersioni con cautela.

Un subacqueo dovrebbe sotto ogni aspetto considerare i seguenti aspetti:

  • Ascesa enta ad un massimo di 18 metri al minuto (a seconda del computer sub)
  • Una sosta di sicurezza di tre minuti ad una profondità di 5 metri.
  • Più profonda è l’immersione, più breve è il tempo d’immersione consentito (maggiore consumo d’ossigeno).
  • Volare dopo l’immersione richiede un certo tempo di attesa
  • Pianificare un’immersione più conservativa in acque  fredde
  • Considerare l’azoto residuo dalla prima immersione se è prevista una seconda immersione nello stesso giorno.
  • Le immersioni ripetute non devono essere effettuate più in profondità rispetto all’immersione precedente.
  • L’immersione ripetuta non deve essere più profonda di 30 metri.
  • Durante l’immersione, i limiti della tabella di decompressione per sub o del computer devono essere abbondantemente rispettati individualmente.
Una sosta di sicurezza di tre minuti ad una profondità di 5 metri

La tabella di immersione per sub come funziona?

Al giorno d’oggi la maggior parte dei subacquei utilizza un computer per evitare la malattia di decompressione. Quando si utilizza una tabella, sono necessari anche dei strumenti di rivelazione del tempo (ad es. un orologio subacqueo con profondimetro.

YouTube

caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube
scopri di più

carica il video

Una tabella di immersione ha il compito di informare il subacqueo sul tempo di decompressione e da rispettarlo, cioè le pause tra le singole immersioni a seconda del tempo e della profondità. Per diverse miscele di gas respirabili (Nitrox, aria, Trimix ecc.) ci sono diverse tabelle di decompressione, inoltre anche per le immersioni in montagna ci sono tabelle di immersione appositamente sviluppate. Durante l’immersione, i limiti della tabella di decompressione o del computer da immersione devono essere abbondantemente rispettati individualmente.

Tabella di immersione o computer da sub?

I moderni computeri sono indispensabili per le immersioni in  profondità, in particolare i computer con capacità nitrox hanno reso le immersioni molto sicure con un funzionamento corretto.

Come per tutte le nuove conquiste tecniche, il computer  è stato accolto all’inizio con scetticismo da molti subacquei esperti. In retrospettiva, le critiche erano inappropriate. Lo svantaggio di una tabella di decompressione è evidente, anche se utilizzata correttamente l’operazione può essere piuttosto complessa. I computer possono fallire come qualsiasi altro aiuto tecnico, ma la probabilità è molto bassa.  Come subacqueo si dovrebbe conoscere bene una tabella di immersione, si dovrebbe essere in grado di leggerla e usarla per evitare il pericolo di una malattia da decompressione. Un computer ha i suoi vantaggi, è uno strumento prezioso, ma non ci si deve aspettare che il dispositivo ti liberi di pensare.

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close