Wiki

Malattia da decompressione

Malattia da decompressione di cosa si tratta?

Durante la costruzione del Brooklyn Bridge, noto a tutti come uno dei simboli di New York, venne scoperta una malattia particolare (malattia da decompressione). Si notò che molti operai si ammalarono. Lavorarono a una profondità di 30 metri, in quanto le colonne portanti dovevano essere ancorate in profondità nel letto del fiume. Per poter lavorare sott’acqua, i costruttori di ponti utilizzavano una grande camera a pressione, il “caisson” (scatola in francese).

camera da decompressioneLa pressione dell’aria all’interno era così alta che l’acqua non poteva fluire e quindi era possibile lavorare. A una profondità di 30 metri, la pressione dell’aria nella camera era quattro volte più alta del normale. Poi si è notato che molti operai si sono improvvisamente ammalati. Hanno sofferto di nausea, mal di testa e dolori articolari, hanno avuto difficoltà respiratorie, alcuni sono rimasti paralizzati o sono morti. Solo in seguito si è scoperto che si tratta della stessa malattia, che riguarda anche i sommozzatori.

Nel corso di un’immersione, la pressione più alta comporta l’assorbimento di azoto dall’aria respirabile e la sua dissoluzione nel corpo. La pressione è più alta, il che significa che più si immerge a fondo, più velocemente l’azoto si dissolve nel corpo. E più a lungo sei sott’acqua, più tempo ha l’azoto a dissolversi nel sistema biologico.

Di conseguenza, la profondità d’immersione (pressione) e il periodo d’immersione sono i due fattori più importanti che determinano la quantità di azoto assorbita durante l’immersione. A causa dell’alta pressione respiratoria a grandi profondità, più azoto entra nel sistema sanguigno e nel corpo. Le immersioni non rappresentano un ostacolo, ma quando le risalite avvengono in modo troppo veloce, il sangue non riesce a decomporre abbastanza rapidamente l’azoto accumulato. Si formano delle bollicine e il sistema venoso subisce danni.

Qualcosa di simile si può osservare quando si apre una bottiglia d’acqua minerale frizzante troppo velocemente a causa della rapida caduta di pressione che forma le bollicine. Il segreto è un lento bilanciamento della pressione. Più profonda è l’immersione, più lunga è la cosiddetta sosta di decompressione.

I sintomi della malattia di decompressione

I segni e i sintomi di una malattia subacquea dipendono dal punto in cui si formano le vescicole nel corpo. Vi sono diverse fasi. La prima fase è meno grave e i sintomi sono difficili da percepire da parte del subacqueo. Dolori da lievi a moderati (muscoli, articolazioni), insensibilità da lieve a moderata, stanchezza lieve e costante. Questa prima fase della malattia del subacqueo può essere fastidiosa per il subacqueo, ma non è mortale.

La variante di gran lunga più pericolosa è quella in cui vengono spesso colpiti più organi contemporaneamente. L’udito, il cervello, il senso dell’equilibrio o il midollo spinale. I sintomi tipici di questa variante sono i seguenti: nausea, perdita dell’udito, paralisi, allucinazioni e perdita di memoria. Questo si verifica quando le vesciche si accumulano nel midollo spinale. La terza variante è la forma più grave, i cui segni e sintomi sono principalmente danni cronici e persistenti.

Fattori che possono causare la malattia del subacqueo

Il fattore tempo e la profondità sono fattori di primaria importanza.  Queste variabili determinano la misura in cui le vescicole si sviluppano nel corpo e la misura in cui si verifica la malattia da decompressione.

Tuttavia, ci sono altri fattori legati a come il corpo assorbe e rilascia l’azoto in eccesso:

  • Consumo di alcool prima dell’immersione
  • Consumo di alcool dopo l’immersione
  • attività fisica intensa prima, durante o direttamente dopo l’immersione
  • affaticamento
  • disidratazione
  • freddo
  • Età
  • Malattia
  • Scarse condizioni fisiche / alta percentuale di grasso corporeo
  • Lesioni
  • Fumatore
  • Stress

viaggio aereo ad alta quotaUn altro punto importante è rappresentato dal fatto che un periodo di permanenza in alta quota (viaggi aerei o escursioni in montagna) direttamente dopo un’ immersione può anche causare una malattia da decompressione.

Terapia cura e prevenzione

Non appena compaiono i primi segnali dopo un’immersione devono essere attuate le seguenti misure. Un medico dovrebbe essere consultato al più presto possibile. Anche se la maggior parte dei sintomi della malattia da decompressione compaiono dopo 15 minuti o 12 ore dopo l’immersione, non è insolito che i sintomi compaiano a distanza di 24 ore. Il trattamento avviene in una camera di decompressione appositamente sviluppata. Grazie al costante monitoraggio medico, si evitano le complicazioni del cliente.

cura e terapia malattia da decompressioneInoltre, se la situazione lo consente, il soggetto può essere rifornito con ossigeno puro. Se il paziente è incosciente, può essere messo in posizione di shock e controllare il polso e la respirazione. In caso di arresto della respirazione e del battito cardiaco, deve essere effettuata la rianimazione.

Al fine di evitare una malattia da decompressione, un subacqueo può seguire alcune regole.

  • I sommozzatori sono invitati ad effettuare immersioni molto profonde che producono un elevato contenuto di azoto solo con molta cautela e responsabilità.
  • Le immersioni con costanti salite e discese dovrebbero essere evitate. Al fine di prevenire una malattia da decompressione, è inoltre necessario immergersi regolarmente per verificare la propria forma fisica.
  • Per evitare la disidratazione, prima dell’immersione occorre assumere una quantità sufficiente d’acqua. I tempi d’immersione consigliati devono essere mantenuti sotto ogni aspetto, un computer per immersioni o una tabella di immersione possono essere molto utili.
  • Una delle regole più importanti è non immergersi mai da soli e seolo con un buddy.

Articoli correlati

Back to top button
Close