ViaggiWiki

Immersione notturna | equipaggiamento e attrezzature

Immersione notturna consigli e regole per la prossima immersione dopo il tramonto

immersione al buio grottaL’immersione notturna è  una delle più emozionanti aspetti dell’immersione che si possono fare e provare  e trasmette alcune delle sensazioni più intense. Le immersioni notturne, a differenza delle immersioni diurne, vanno pianificate meglio e seguono determinate regole ben precise. Inanzitutto bisogna dimenticare le fobie che possono presentarsi a livello mentale. Il mare e i suoi abitanti sono gli stessi sia di giorno che di notte. Se non è possibile superare queste fobie, la cosa migliore è quello di lasciar perdere perché è un rischio che non vale la pena,  se per la difficoltà di un’immersione si aggiunge anche la paura. La paura  non è un buon alleato.

Un’immersione notturna non deve necessariamente essere tecnicamente diversa da un’immersione diurna. Per essere molto chiari su una cosa, l’ambiente è diverso. Siccome manca la luminosità, i nostri punti di riferimento e il nostro orientamento non sono ottimali.

Con il tramonto, diversi tipi di esseri marini escono dai loro nascondigli per nutrirsi, molto probabilmente perché non si sentono così vulnerabili come se fossero durante il giorno, e possono essere facilmente osservati dai subacquei. Un altro punto interessante è la bioluminescenza, che è la luce fredda emessa da un organismo vivente. E per gli amanti delle foto e dei video sub, è possibile ottenere facilmente eccellenti immagini ravvicinate grazie alla grande quantità di pesci  e fauna che si trovano nel mondo sottomarino.

Quali sono i requisiti per le immersioni notturne?

Si tratta di una domanda che dovrai risponderti da solo e tenendo conto del tuo livello e del tuo comportamento sott’acqua. Non trasformare qualcosa che può essere una bellissima sensazione di piacere in un pericolo. Per fare un’immersione notturna è consigliabile scegliere un luogo protetto dalle correnti, dalle onde e dai venti. L’accesso in acqua dovrebbe essere facile e, se possibile, con qualche punto luminoso sulla costa che ci serve da riferimento per il ritorno.

YouTube

caricando il video, accetti l'informativa sulla privacy di YouTube
scopri di più

carica il video

Regole

Stabilendo la rotta con una bussola, sarà più facile di ritornare a riva. La cosa migliore sarebbe immergersi in un luogo conosciuto per facilitare l’orientamento e restare stupiti dalla differenza che si riscontra nello stesso ambiente tra il giorno e la notte. Se  ci si tuffa da una barca, la situazione si complica e quindi occorre sempre prendere più precauzioni possibili. Bisogna sempre far restare una persona sulla barca, che potrà prenderci o chiamare i soccorsi in caso di problemi.

Per facilitare il ritorno, le luci di ancoraggio dovranno essere accese e non sarà necessario lasciare una torcia lampeggiante o flash nella parte più alta della barca, così come un’altra sotto la superficie, a circa 3 o 4 metri, per facilitare il nostro ritorno. Se siamo vicini alla costa è opportumo fare l’immersione in direzione di essa e così, quando si risale in superficie, sarà più facile vedere la barca livellata verso l’orizzonte.

La sicurezza prima di tutto

Se a causa della profondità e del tempo pensiamo di avere il minimo sospetto di dover decomprimere, il che non è né raccomandabile né piacevole di notte, dovremmo segnare l’ancora della barca con una luce posta a circa 5 o 6 metri sopra di essa, in modo che possa essere vista a 360°. Per farsi notare è altamente consigliabile di dotarsi di una luce artificiale o di una torcia subacquea. Questo tipo di luce ci permetterà di individuare facilmente un buddy con problemi.

Il controllo dell’attrezzatura è necessario sia di giorno che di notte. In questo modo ci assicureremo che tutto sia a posto per avere a portata di mano le console, i manometri e, soprattutto, torce o computer da sub. La discesa, così come i movimenti, devono essere piuttosto contenuti, poiché la mancanza di luce può indurre a colpirsi con qualche proiezione o con il proprio sfondo. Inoltre, movimenti rapidi e scattanti possono causare la perdita dei cuscinetti.

Durante il giorno è difficile comunicare sott’acqua. Di notte è ancora più difficile. C’è un codice di segni luminosi che dovreste sapere, ad esempio, un cerchio luminoso indica che tutto sta andando bene, mentre spostando la luce dall’alto verso il basso indica problemi.

Equipaggiamento e attrezzature per l’immersione notturna

Come in altre specialità, per le immersioni notturne ci sono alcuni requisiti che devono essere considerati dal subacqueo, come le procedure e l’attrezzatura utilizzata, ricordando naturalmente che bisogna aver già percepito la specialità della subacquea notturna con uno dei brevetti esistenti in Italia.

Torcia subacquea

torcia subacqueaL’ideale è scendere con 3 torce, essendo una primaria e due “back-up” (di riserva), perché se la torcia primaria presenta qualche guasto o la batteria si esaurisce improvvisamente, si avranno altre due torce di riserva. Se si utilizza una torcia subacquea, le batterie devono essere completamente cariche. E se usiamo le torce, quella primaria, compresa la torcia ausiliaria, le batterie dovrebbero essere pressochè  nuove. Per non spaventare gli organismi sottomarini, non bisogna però illuminarli direttamente con la propia torcia. Alcune fonti di luce possono essere attenuate, ma è preferibile illuminare in prossimità degli animali.

Reel (mulinello subacqueo)

Purtroppo vengono poco utilizzati dai subacquei ricreativi, un mulinello è sempre il benvenuto. Quando ci immergiamo in un luogo senza dimora e con la possibilità di correnti improvvise, un mulinello può fare la differenza per un sicuro ritorno in barca,

Ultimo aggiornamento 2019-12-07 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Bussola e computer

bussola subacqueaQuesta è un’attrezzatura essenziale, perché è la garanzia che ci muoviamo nella giusta direzione. A meno che, se ci si trova in prossimità di un relitto, perché il campo magnetico può influenzare la bussola e di conseguenza modificare i risultati visualizzati da essa. Una bussola può essere d’aiuto nelle immersioni con visibilità ridotta o quando ci si immerge in un luogo dove non c’è la parete di un’isola, ad esempio, dove normalmente la usiamo come riferimento subacqueo. Sui fondali sabbiosi, un subacqueo può facilmente perdersi perché non c’è un buon riferimento in loco, e la bussola è la garanzia di prendere la corretta direzione subacquea. E importante di sapere che un profondimetro una bussola o un computer sub  dóvreebbero essere fotoluminescenti.

Altre attrezzature non meno importanti

Un’altra cosa da tenere presente sono i guanti sub in neoprene, è meglio indossarli in caso di toccare qualcosa di indesiderato e invisibile al buio. Ma attenzione i pesci che dormono non si toccano! Sono parzialmente circondati da un bozzolo protettivo quasi trasparente e inodore, che li rende invisibili ai predatori. Questo verrebbe danneggiato.

Conclusione

Le immersioni notturne sono un’eccellente attrazione, che si differenzia molto dalle immersioni diurne, perché l’acqua e l’aspetto delle luci subacquee sono uno spettacolo eccezionale. Molti credono che immergersi di notte può essere pericoloso, ma in realtà, non sanno quello che si perde con la quantità di vita che appare durante le immersioni notturne.

Tags

Articoli correlati

leggi anche

Close
Back to top button
Close